Scarcelle pugliesi

Pasqua si avvicina e uno dei dolci più famosi e colorati della tradizione pasquale pugliese sono le scarcelle. Si possono acquistare presso i forni o le pasticcerie di moltissime città pugliesi oppure preparare a casa con ingredienti poveri, dato che questo era un dolce realizzato nelle famiglie di medio e basso ceto sociale, utilizzando uova, farina, latte e olio. La particolarità delle scarcelle pugliesi è che può essere data loro la forma che più si preferisce (coniglietti, colombe e quant’altro) e quindi è piacevole prepararle anche in compagnia dei propri bambini.

In alternativa, per gli amanti della tradizione “pura”, la forma classica è quella a ciambella o cestino che “accoglie” le uova sode (altro simbolo per eccellenza della Pasqua). Il sapore non cambia, saranno comunque sempre buonissime e arricchiranno il proprio menu di Pasqua con un tocco di colore e dolcezza.

Scarcelle Pugliesi
Scarcelle Pugliesi ©fattoincasadaBenedetta

La ricetta delle scarcelle pugliesi

Ingredienti per 8 scarcelle pugliesi:

  • 1 kg di farina 00
  • 300 g di zucchero
  • 2 uova
  • 200 g di latte intero
  • 200 g di olio extravergine d’oliva
  • un lievito per dolci (16 g)
  • scorza di 2 limoni

Per la glassa:

  • 100 g di albumi
  • 400 di zucchero a velo
  • succo di limone

Per decorare:

  • 8 uova sode
  • zuccherini colorati

Procedimento

  1. Su una spianatoia versare la farina, il lievito per dolci e lo zucchero semolato e creare una fontana.
  2. Aggiungere la scorza grattugiata di limone, le uova leggermente sbattute e impastare con le mani, versando l’olio a filo e il latte fino a creare un composto omogeneo a cui dare la forma di una palla.
  3. Lasciar riposare l’impasto per circa 30 minuti ricoperto da un canovaccio da cucina.
  4. Intanto che l’impasto riposa, si possono mettere a bollire le uova in modo da renderle sode, quindi, quando pronte, farle raffreddare.
  5. Riprendere l’impasto dopo mezz’ora e dividerlo in circa 24 porzioni a cui dare la forma di un filone lungo circa 30 centimetri.
  6. Creare una “treccia” di pasta unendo insieme 3 filoni di impasto, quindi unire le due estremità dando la tipica forma a ciambella, fino ad ottenere 8 scarcelle.
  7. Adagiare le scarcelle su una teglia ricoperta da carta da forno e sistemare l’uovo sodo al centro.
  8. Cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per 50-55 minuti (o ventilato a 160° per 40-45 minuti).
  9. Lasciar raffreddare e intanto preparare la glassa con gli albumi montati a neve e il succo di limone.
  10. Una volta ottenuto un composto spumoso, aggiungere poco alla volta lo zucchero a velo.
  11. Quando la glassa assume una consistenza cremosa, decorare le scarcelle e ricoprire con zuccherini colorati o con le decorazioni alimentari che si preferiscono (ad esempio si possono aggiungere degli ovetti colorati o degli smarties o decorare con dei pupazzetti come dei pulcini o coniglietti).

Le scarcelle così preparate, si possono conservare per 2 o 3 giorni sotto una campana di vetro.

Scarcelle Pugliesi ©fattoincasadaBenedetta
Cupeta salentina: La ricetta

Con la nuova stagione, pulluleranno le sagre e feste di piazza alle quali non potrà mancare il profumo di mandorla tostata e zucchero, mantecati con maestria dai cupetari ambulanti.

Scarcelle Pugliesi ©fattoincasadaBenedetta
Purcidduzzi salentini e Cartellate

Se si domanda a un pugliese qual è il piatto tipico natalizio della sua terra, verrà prevalentemente indicato un dolce, diverso forse a seconda della sua provincia di appartenenza, ma certamente un dolce tradizionale delle feste.

Scarcelle Pugliesi ©fattoincasadaBenedetta
Mustazzuoli

Dolci tipici della tradizione natalizia pugliese, i mustazzuoli sono dei gustosi biscotti di colore bruno la cui ricetta si tramanda di generazione in generazione. Nel tempo si sono diffuse molte varianti di questo dolce che può essere preparato anche in casa, accompagnato da un caffè, da una tisana, da una cioccolata calda o da un amaro.