Municeddhe salentine: la ricetta tradizionale

Le campagne salentine abbondano di tanti prodotti della natura che si possono trovare allo stato selvatico, gli asparagi, vari tipi di erbe tra cui la cicorietta, il finocchietto, la barba a becco, molte qualità di funghi ed una delle prelibatezze della cucina tradizionale salentina, le municeddhe.

Si tratta delle lumachine che abbondano in campagna e che si raccolgono generalmente nella stagione estiva dopo le piogge, da luglio a settembre, quando la lumaca ha costruito intorno all’apertura una specie di tappo bianco, che in dialetto viene chiamato “panna”.

Il nome singolare che viene dato alle lumachine deriva dal loro colore, che ricorda il colore del saio dei frati francescani.

Un tempo era disponibile in quasi tutti i mercati e nei negozi di frutta e verdura anche se sembra che negli ultimi tempi la sua presenza sia diminuita, e questo per due fattori: il primo riguarda il fatto che sono sempre di meno le persone che si avventurano nelle campagne per raccoglierle, il secondo motivo è dovuto alla diffusione sempre più massiccia delle arature dei campi effettuate con mezzi meccanici, che in alcuni casi ne compromettono l’habitat e quindi la sopravvivenza.

Sono gustose preparate in diversi modi, arrostite, bollite o cotte nel sugo, accompagnate con il pane di grano duro. Da sempre nel Salento se ne mangiano in quantità, a Cannole, un comune dell’entroterra otrantino è a loro dedicata una sagra estiva che raccoglie in quattro giorni folle di persone che maneggiano stuzzicadenti davanti a pentoloni e braci che sfornano migliaia e migliaia di municeddhe da servire e mangiare durante esibizioni di musica popolare salentina.

municeddhe salentine
municeddhe salentine ©foodphotograpger.puglia via Canva

La ricetta delle Municeddhe salentine:

Ingredienti per 4 o 6 persone:

  • kg 1 di cozze monicedde
  • una cipolla
  • un bicchiere di vino rosato
  • 3 foglie di alloro
  • pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

Tempo di preparazione: un’ora e mezza.

  1. Lavate ripetutamente le lumache, privatele della cosiddetta panna (ovvero la schiuma che protegge la conchiglia di cui si è detto sopra), sciacquatele ancora.
  2. In una pentola mettete mezzo bicchiere di olio, la cipolla affettata, le foglie di alloro. Quando la cipolla sarà ammaccata versate le cozze, salatele, insaporitele con pepe nero macinato fresco e quando il liquido delle cozze sarà evaporato, aggiungere il vino rosato.
  3. Fare asciugare a fiamma viva e servire.
municeddhe salentine ©foodphotograpger.puglia via Canva
Cozze arraganate pugliesi

le cozze arraganate pugliesi, un piatto che in tutta la Puglia viene fatto con piccole varianti ma in ogni caso sempre molto apprezzato. In salentino questo piatto è chiamato “cozze racanate”.

municeddhe salentine ©foodphotograpger.puglia via Canva
Pane di Altamura

Un pane nato e pensato per soddisfare le esigenze di pastori e contadini per cui era un alimento essenziale e quotidiano. Essi, infatti, dovevano a volte stare per parecchi giorni lontani da casa, nelle masserie, le tipiche fattorie che sorgevano e sorgono tuttora, nel contado intorno alla città.

municeddhe salentine ©foodphotograpger.puglia via Canva
Street Food salentino

Rustici, pettole, frise, calzoni, e tante altre brelibatezze vi attendono in Puglia! Dalle feste patronali, alle sagre, alle manifestazioni religiose...tutto diventa occasione per assaggiare il tipico street food salentino!